Controlli auto periodici da fare

controlli auto periodici

Controlli auto periodici: ecco i classici controlli da eseguire per una corretta manutenzione dell’auto. I controlli che seguono sono fortemente consigliati prima di una vacanza.

Controlli auto periodici: perché sono importanti? Semplice, per massimizzare l’efficienza del veicolo e scongiurare guasti irreparabili!

Una scarsa manutenzione auto vi può causare problemi di sicurezza e un forte aumento dei consumi di carburante; quando la mancata manutenzione del veicolo è protratta nel tempo, possono insorgere gravi guasti alle componenti meccanica dell’auto e potrebbe essere necessaria la sostituzione delle parti più costose! Per fare un esempio banale… una cinghia di distribuzione costa pochi euro (una decina!) ma se si rompe la spesa potrebbe superare i 600 euro in base ai danni collaterali sulle parti coinvolte. Insomma, la corretta manutenzione auto ci salva da spese molto salate e preserva l’integrità e la salute del nostro veicolo. I controlli da destinare all’auto sono ancora più importanti in prossimità di un lungo viaggio. Ecco i controlli periodici da destinare all’auto come classica routine e prima di un viaggio.

Controlli auto periodici: verifica livello olio e cambio

Ogni quando controllare e cambiare l’olio motore? La risposta può variare da veicolo a veicolo, quindi vi converrà consultare il libretto di manutenzione della vostra auto. In genere le case automobilistiche consigliano di cambiare l’olio motore ogni 15.000 – 20.000 km anche se molti meccanici consigliano rabocchi ogni 1.500 km. Potete trovare maggiori informazioni nella pagina dedicata alla “Spia dell’olio accesa” mentre per i costi di sostituzione dell’olio motore potete leggere l’articolo dedicato al cambio olio motore.

Controlli auto periodici: verifica usura pneumatici

L’usura degli pneumatici è facilissima da verificare! I produttori delle gomme hanno inserito un listello di sicurezza che, quando sbiadito o consumato, indica uno pneumatico da cambiare. Per maggiori informazioni sul simbolo da tenere d’occhio, leggete la nostra guida intitolata “Quando cambiare gli pneumatici“.

Il cambio degli pneumatici non è l’unica verifica da fare alle gomme, ricordate di portarli a pressione, soprattutto prima di affrontare un viaggio in macchina!

Controlli auto periodici: verifica batteria

La corretta manutenzione dell’auto prevede che, se il veicolo dovrà essere messo in sosta per lunghi periodi, sarà necessario staccare la batteria auto per evitare la cosiddetta “autoscarica della batteria”. Questa non è l’unica attenzione da dedicare all’accumulatore.

Se guidate un’auto molto datata, la batteria non presenta alcun involucro protettivo e vi lascia ampio spazio di manutenzione. Se la batteria dell’auto non è sigillata, una volta al mese, potete controllare il livello degli elettroliti (liquido della batteria) e la densità.

I veicoli più moderni montano una batteria completamente sigillata e quindi difficile da monitorare. L’unica cosa che potete fare è controllare il livello di carica mediante il cosiddetto “occhio magico”. L’occhio magico è una spia presente sulla parte più visibile dell’accumulatore e, solitamente, si presenta in tre diversi colori: il verde indica uno stato di carica ottimale, il nero indica che la batteria ha ormai raggiunto il 50% di ricarica mentre il colore bianco segnala che c’è bisogno di sostituire la batteria.

Controlli auto periodici: sostituzione liquido freni

Sarà la strumentazione di bordo dell’auto a segnalarvi quando è arrivato il momento di sostituire il liquido dei freni, tuttavia, se notate delle anomalie in frenata, è consigliato controllare manualmente il livello di liquido presente nel serbatoio.

Controlli auto periodici: sostituzione livello liquido di raffreddamento

Il liquido di raffreddamento deve essere rabboccato con urgenza quando la spia dell’acqua si accende ma meglio non arrivare a questo! E’ difficile dire ogni quando controllare il livello del liquido di raffreddamento perché tutto dipende dal tipo di liquido impiegato: in commercio esistono liquidi di raffreddamento che durano 250.000 chilometri mentre quelli più scadenti hanno un’autonomia minore. Tutto dipende dal liquido che avete impiegato la prima volta, tuttavia, per sapere se è necessaria un’aggiunta, vi basterà controllare il liquido accedendo al serbatoio posto nel cofano motore.

Controlli auto periodici: sostituzione filtro antipolline

E’ necessario cambiare il filtro antipolline auto a cadenza annuale oppure ogni qual volta si percorrono 20.000 chilometri. Si tratta di un’indicazione orientativa perché se percorrete strade molto trafficate o ricche di polveri, il filtro si intaserà nel giro di poco tempo. Per tutte le informazioni vi invitiamo  a leggere la pagina dedicata alla sostituzione e al costo del filtro antipolline auto.

Controlli auto periodici: tagliandi e revisione

In genere, il primo tagliando auto va fatto al raggiungimento di 20.000 / 30.000 km o 1-2 anni. I tagliandi successivi vanno fatti ogni 15.000/20.000 km ma anche in questo caso la strumentazione di bordo vi verrà in aiuto segnalandovi sul quadro una chiave inglese che indica di portare l’auto presso un’officina meccanica per eseguire il regolare tagliando. Per tutte le informazioni sui costi e i controlli che si eseguono al momento del tagliando auto, vi rimandiamo alla pagina dedicata Tagliando auto, ogni quando bisogna farlo”.

Pubblicato da Anna Sepe il 1 luglio 2016