Quando cambiare gli pneumatici

Se vi state chiedendo come capire quando cambiare gli pneumatici siete nel posto giusto. Il cambio degli pneumatici è un’operazione di manutenzione auto a cadenza lunga.

Per allungare la vita degli pneumatici sarà necessario operare la classica “inversione” ogni 10.000 chilometri (le ruote anteriori passano al posteriore e viceversa, tale operazione consente di consumare le ruote motrici simultaneamente alle ruote senza trazione) e il controllo della pressione a cadenza mensile e in corrispondenza a sbalzi di temperatura.

Per capire quando cambiare gli pneumatici basta dare un’occhiata alle ruote e andare a caccia di alcuni segnali di usura. Quando le gomme si consumano in modo regolare tendono, semplicemente, a essere lisce. A volte, però, l’usura degli pneumatici è irregolare ed è dovuta da errori di guida o da problemi di assetto, in questo caso i sintomi possono essere più difficili da individuare.

Usura: a quanti chilometri si cambiano le ruote dell’auto?
Nei forum si legge che qualcuno cambia le gomme a 35 mila chilometri, c’è chi le cambia a 40 mila o addirittura a 50 mila. In realtà non esiste un chilometraggio: gli pneumatici, di norma, si devono cambiare quando sono usurati fino al limite di legge. Anche in questo caso, per capire quando cambiare gli pneumatici, basterà osservarne la superficie.

Sul battistrada degli pneumatici sono presenti degli “indicatori di usura“, si tratta di piccole barrette in rilievo situate sul fondo degli intagli. Spesso, in prossimità di tali indicatori, il produttore inserisce un simbolo per individuarli più facilmente (nel caso di pneumatici Michelin, sarà presente il classico Omino).

Quando la superficie di gomma del battistrada raggiunge il livello degli “indicatori di usura”, l’altezza del battistrada ha raggiunto il limite legale di 1,6 mm: gli pneumatici vanno assolutamente cambiati in quanto non garantiscono più un adeguato livello di sicurezza.

Quando cambiare le ruote dell’auto?
Quando il problema non è l’usura regolare, gli pneumatici possono presentare un’ernia sul fianco: se la pressione dello pneumatico e bassa e si urta un marciapiede o si prende una buca in modo più violento, la carcassa del pneumatico dovrà essere sostituita al più presto. La cosiddetta ernia appare come una grinza sul fianco della ruota.

Se sono usurate solo le spalle (la sezione centrale degli pneumatici risulta meno consumata rispetto alle fasce laterali), probabilmente si sta guidando con un sottogonfiaggio (oppure avete uno stile di guida eccessivamente sportivo o andate in giro con un sovraccarico di materiale a bordo); in questo caso, prima di procedere  con la sostituzione delle gomme, portatele a pressione e verificate la tenuta.

Pubblicato da Anna Sepe il 11 febbraio 2014