Renault Captur

Renault Captur

Anche la casa francese pensa al suo Mini Suv urbano. La Captur è simpatica, lunga 4,12 metri, ha interni spaziosi e un super sistema elettronico che si aggiorna come gli smartphone: peccato che il look della carrozzeria non sia proprio originale.

GUARDA LE FOTO: Renault Captur

Renault, del resto, doveva fare una cosa antipatica ma necessaria, ovvero proporre un modello concorrente della Juke, quella firmata da una Nissan che appartiene allo stesso gruppo industriale, ma con una autonomia tale da fare sostanzialmente come gli pare. Nissan Juke è un bel successo e quindi anche a Renault è toccata la competizione in famiglia. Peccato che nei prossimi mesi ci aspetti anche Peugeot 2008 e li suo look più sportivo, e nel frattempo siano arrivati sul mercato due bei giocattoli come Opel Mokka e Fiat 500L Trekking . Tutti Mini Suv da città: per farsi spazio a Renault serviva altro!

La Captur definitiva, quella che vedi nelle foto e che debutterà ufficialmente a marzo in Europa, è molto diversa dal prototipo che la casa francese ha presentato alla stampa circa un anno fa. Quello era basato proprio sulla Juke, la vettura finale invece parte dalla Clio, casomai con una carrozzeria gonfiata in larghezza e altezza, ma con un frontale assolutamente identico che non rende giustizia alla Captur: manca originalità! L’idea del tetto verniciato in colore diverso poi l’ha inventata la Mini e non è certo fantascienza, mentre il taglio dei vetri posteriori, quelli che confinano con il portellone, è uno dei particolari automobilistici più brutti visti negli ultimi anni. Il capo disegnatore Laurens Van den Acker, va detto, ha preso una cantonata.

Dentro, la Captur è più piacevole, magari non un lampo di genialità nel design, ma pratica e con interni molto più ampi di quanto si immaginerebbe da fuori. E’ quasi una monovolume, con tanto di guida alta e un cruscotto pieno di vani portaoggetti.

Un bel gadget, a pagamento, e’ il sistema multimediale R-LINK, con un maxischermo e una interfaccia grafica a icone in pieno stile smartphone, e non a caso. R-LINK può essere aggiornato e modificato con app scaricate direttamente da un suo store. Attraverso R-LINK  puoi leggere le e-mail, navigare sul web o aggiungere tutte le funzionalità che ti saranno rese disponibili dalle applicazioni in arrivo.

Pubblicato da Gianluigi Giannetti il 11 gennaio 2013