Nissan Juke Nismo Dark Knight Rises

Nissan Juke Nismo Dark Knight Rises
La Batmobile? Smettila di immaginartela come un macchinone anni ’60 con un motore da aereo sulla coda . Nissan ha inventato questa Juke Nismo Dark Knight Rises con 200 Cv di potenza e tutte le buone qualità di un crossover cattivo, ma sportivo.

GUARDA LE FOTO: Nissan Juke Nismo Dark Knight Rises

La storia è questa. La casa giapponese si è messa d’accordo con la Warner Bros, la proprietaria del marchio di Batman, e per lanciare l’ultimo film della serie e contemporaneamente la versione più potente della crossover Juke, la Nismo.  Ne è venuto fuori questo bel giocattolone chiamato Juke Nismo Dark Knight Rises, un esemplare unico che sarà assegnato al vincitore di un concorso nel Regno Unito. Cosa vince?

Innanzitutto una vettura che, anche senza pipistrelli addosso, in circolazione ancora non c’è. La Juke Nismo, cioè firmata dalla divisione Nissan Motorsport, arriverà sul mercato in primavera e sembra fatta apposta per divertire. Ha un motore 1.6 litri benzina turbo da ben 200 Cv, e accelera da 0 a 100 km/h in 7,8 secondi.

La Nismo fa le cose sul serio, perché ha una carrozzeria molto più sportiva, con paraurti anteriori e posteriori più grandi, parafanghi maxi, minigonne sottoporta e una griglia modificata, il tutto con un alettone in coda che serve a schiacciare l’auto al suolo quando è in velocità, dunque guadagnando in tenuta di strada.

Dentro, la Juke Nismo ha volante, pedali, indicatori degli strumenti e perfino la leva del cambio ispirati alle auto da corsa, e i sedili sono molto più avvolgenti di quelli di una Juke normale.

La Nissan Juke Nismo Dark Knight Rises è quindi una vera anteprima, magari con qualche caratetristica che vorremmo, ma non avremo mai di serie. Per esempio la verniciatura nero opaca, proprio come i cerchi in lega da 18 pollici, o ancora gli specchietti esterni che proiettano sulla strada il celebre Bat Segnale, il logo del pipistrello che serve a richiamare il supereroe quando a Gotham City ci sono guai.

Pubblicato da Gianluigi Giannetti il 11 dicembre 2012