Batteria scarica auto: cause, sintomi

Batteria scarica auto

Batteria scarica auto: cause e sintomi. Come capire quando la batteria auto è scarica, come ricaricarla e quali sono le cause che portano a un prematuro deterioramento della batteria auto.

Batteria auto nuova scarica

Prima di vedere cosa fare, come ricaricare la batteria e quali sono i sintomi che ci fanno capire quando la batteria dell’auto si sta per scaricare… vediamo un caso più eclatante, quello di una batteria auto nuova che si scarica ancor prima di entrare in pieno regime!

Generalmente una batteria nuova dovrebbe scaricarsi dopo 4 – 5 anni, in molti casi si può scaricare anche dopo 3 anni, magari per un uso più intenso… ma se la batteria nuova si scarica subito? 

Qui le cause non sono legate alla classica usura ma parliamo di cause straordinarie come può essere un incidente, un tamponamento un, se siete proprio sfortunati, una buca presa ad alte velocità.

La batteria, infatti, è costruita con materiali leggeri e delicati, basta poco per alterarne l’integrità. In più, se la batteria nuova si scarica e avete deciso di sostituirla perché la precedente vi dava problemi… magari il vero problema non è mai stato la batteria scarica bensì l’alternatore. L’alternatore ha il compito di fornire una carica continua alla batteria mentre la vettura è in funzione. Se l’alternatore si guasta, la batteria (nuova o vecchia che sia) tenderà a scaricarsi molto prima del previsto.

Altri fattori straordinari possono riguardare la manodopera eseguita sull’auto: la batteria nuova è stata montata correttamente? Sono stati effettuate nuove installazioni sul veicolo? Anche il montaggio scorretto dell’autoradio o di un kit di fari a LED possono compromettere lo stato di salute della batteria nuova.

In genere, è buona prassi, al momento dell’acquisto di una batteria, verificarne il voltaggio. Se non lo avete fatto, forse la batteria era già scarica, sintomo che era stata stoccata in maniera scorretta.

Cosa fare? Controllate la garanzia e, scontrino alla mano, rivolgetevi al rivenditore o all’officina che ha operato il montaggio. Quando comprate la batteria presso un’officina, questa è dotata di una garanzia biennale, mentre se la comprate in un negozio oppure online, la garanzia è annuale.

Batteria scarica auto: sintomi

Può accadere che la batteria auto si scarica improvvisamente, senza dare sintomi preliminari, in queste circostanze sarebbe opportuno eseguire una manutenzione periodica dopo il terzo anno di vita della batteria, così da comprendere il voltaggio residuo dell’accumulatore. Come capire se la batteria auto è scarica o si sta per scaricare? In assenza di sintomi vi basterà verificarne il voltaggio.

Quando la batteria è scarica, l’auto semplicemente non parte, tuttavia, “auto non parte = batteria scarica” non è un’equazione perfetta, anzi, possono esserci molte eccezioni e variazioni sul tema. Se l’auto è ferma e fatica nell’accensione, il problema potrebbe essere relativo alla pompa del carburante, al motorino di avviamento o semplicemente possono essere le candele sporche!

Tra i sintomi che vi fanno capire se la batteria auto è scarica: la spia batteria auto presente nel quadro strumenti all’accensione, non si spegne! Il quadro strumenti non si accende affatto oppure il veicolo impiega più tempo del solito per mettersi in moto.

Batteria scarica auto: cause

Se nel primo paragrafo vi ho parlato di cause straordinarie, ora rientriamo nelle cause che possono essere più comuni.

  • Avete dimenticato i fari accesi
  • L’auto è stata ferma per più di 10 giorni in garage
  • L’auto è stata esposta a temperature particolarmente rigide
  • La batteria auto ha più di 4 – 5 anni, si tratta di classica usura
  • Avete sottoposto la batteria a un iper utilizzo (climatizzatore acceso con auto ferma, impiego di più prese USB per caricare dispositivi portatili, autoradio con motore spento…)

E’ importante capire l’età della batteria scarica: più passa il tempo e più aumentano le possibilità che la batteria si possa deteriorare.

Batteria auto scarica: come ricaricarla

Per far partire un’auto ferma con la batteria scarica si può sfruttare l’energia prodotta da una seconda auto, vi serviranno i classici cavi.

Dove comprare i cavi? Nei negozi specializzati nella vendita di autoricambi o sfruttando la compravendita online. A “questa pagina Amazon” per esempio, potete trovare cavi per la batteria professionali (1200 amp), molto utili da tenere in auto e usare in caso di emergenza.

Come ricaricare la batteria auto scarica con i cavi?

Innanzitutto fate parcheggiare, frontalmente alla vostra auto, un’auto con la batteria carica. Spegnete i motori e seguite le istruzioni che seguono su come usare i cavi della batteria.

Batteria auto scarica: cosa fare

1) Il cavo rosso
Collega il cavo rosso ai poli positivi di entrambe le batterie:
prendete un’estremità del cavo rosso e collegatelo al polo positivo della batteria scarica, prendete l’altra estremità del medesimo cavo rosso e collegatela al polo positivo dell’auto con batteria carica.

2) Il cavo nero
Collegate poi l’estremità del cavo nero al polo negativo della batteria funzionante (dell’auto sana). Attenzione! Il cavo nero non va collegato alla batteria scarica! L’altra estremità del cavo nero va collegata in una zona non verniciata del vano motore dell’auto con batteria scarica. Le vetture più moderne hanno una zona ad hoc per fissare il morsetto negativo ma potete scegliere qualsiasi zona perimetrale del vano motore lontana da componenti elettriche e da verniciature.

3) Ricaricare la batteria auto scarica
Mettete in moto l’auto con batteria carica e aspettate qualche secondo. Provate ad avviare il motore dell’auto con la batteria scarica che intanto avrà ricevuto un po’ di energia dall’accumulatore dell’altro veicolo.

4) Scollegate i cavi
Scollegate prima il cavo nero e poi i cavi rossi. I cavi vanno scollegati in ordine inverso rispetto al collegamento.

Il gioco è fatto: siete riusciti a ricaricare la batteria scarica della vostra auto!

Pubblicato da Anna Sepe il 5 maggio 2018