Spia motore accesa

spia motore accesa

Spia motore accesa: cause, rimedi e tutte le informazioni meccaniche che vi spiegheranno cosa fare in caso di spia motore accesa.

La spia motore gialla è un indicatore che a seguito della diagnosi del sistema di propulsore restituisce un avviso all’automobilista, ma cosa significa questo avviso? Nella presente pagina vedremo le cause più comuni che portano all’attivazione della spia motore sul quadro strumenti.

Spia motore accesa, cause

Le cause della spia motore accesa possono essere molteplici e possono riguardare diverse funzioni che coinvolgono il sistema di propulsione della vettura, vale a dire:

  • – sistema di iniezione
  • – impianto di scarico
  • – sistema di accensione (ma solo nei veicoli a benzina)
  • – impianto di alimentazione del carburante
  • – gestione del motore
  • – dispositivo di comando elettronico dell’acceleratore
  • – dispositivo di comando elettronico del cambio (se presente)
  • – sistema di controllo emissioni nocive o convertitore catalitico

Spesso, la spia motore fissa lampeggiante può indicare che l’impianto di scarico ha superato i valori limite delle emissioni nocive e in questo caso il motore può funzionare in modalità di emergenza. Altre volte la spia motore accesa può indicare un guasto al dosatore d’aria o nei veicoli ad alimentazione a diesel questo problema potrebbe presentarsi quando il serbatoio del carburante è stato svuotato completamente.

Dato le svariate cause, una spia del motore fissa o lampeggiante non indica necessariamente un guasto al motore, anzi, talvolta il problema può essere passeggero e gestito direttamente dalla centralina dell’auto in breve tempo.

Spia motore accesa, cosa fare

Quando la spia gialla del motore indica un malfunzionamento in corso, è necessario recarsi immediatamente in un’officina meccanica qualificata ma potete fare prima un esperimento per capire se la spia motore accesa è stata frutto di un errore temporaneo (passeggero e quindi non preoccupante) o un errore più difficile da risolvere.

Per capire se si è trattato di un problema passeggero, molti costruttori (Mercedes, Bmw, Volvo, Peugeot…) invitano a fare più riavvii della vettura. Mentre sul manuale utente di auto come Toyota Yaris, Opel Agile Citroen C3, si legge di consultare immediatamente un’officina meccanica autorizzata.

Nel dettaglio, ecco come fare per capire se si è trattato di un problema ormai superato in automatico dalla centralina elettrica del veicolo:

  • 1) Fate rifornimento di carburante (almeno 5 litri).
    Vi conviene uscire con un secondo veicolo e comprare una tanica di carburante così da rifornire l’auto in casa, in questo modo abbassate ogni rischio in caso di danni più seri al motore.
  • 2) Eseguite tre o quattro avviamenti consecutivi del motore.
    Dopo il rifornimento, inserite la chiave di avviamento nel quadro, attendete 10 secondi, avviate e subito dopo spegnete il veicolo. Ri-avviate e spegnete per tre o quattro volte di fila. Solo la prima volta dovrete attendere 10 secondi tra l’inserimento della chiave e l’avviamento del veicolo.
  • 3) Se la spia gialla della diagnosi del motore si spegne, il funzionamento di emergenza del motore viene disattivato e non è necessario portare l’auto a controllo.

Spia motore accesa fissa

In genere la spia motore ha un colore giallo, arancio o rosso ed è fissa. Solo in alcuni casi diventa lampeggiante. Tra le spie di avvertimento lampeggianti più comune vi è quella della temperatura del motore.

In questo caso la spia è sempre rossa ma può essere fissa o (più spesso) lampeggiante. Tale spia avverte che è stata rilevata un’elevata temperatura del refrigerante motore: vi dice che il motore si sta surriscaldando ed è una cosa molto grave! Man mano che la temperatura del refrigerante aumenta (e di conseguenza il motore si surriscalda ulteriormente), la spia smette di lampeggiare e diventa fissa.

Più informazioni: cosa significa quando la spia motore si accende.

Pubblicato da Anna Sepe il 25 marzo 2016