Passaggio di proprietà auto

passaggio proprieta auto

Passaggio di proprietà auto: costi, documenti e istruzioni. Passaggio di proprietà in comune, tra padre e figlio e come fare in caso di proprietario defunto o in caso di auto storiche.

Passaggio proprietà auto tra privati

Il passaggio di proprietà tra privati può avvenire all’ACI o presso la motorizzazione civile locale. In determinate circostanze il passaggio di proprietà può essere eseguito anche presso il comune di residenza.

L’ACI gestisce il PRA, pubblico registro automobilistico. Il passaggio di proprietà è di competenza del PRA locale della provincia di appartenenza dell’acquirente.

Per risparmiare è possibile recarsi all’anagrafe del Comune della propria città ma in questo caso, il venditore e l’acquirente devono essere residenti nella medesima città.

Passaggio proprietà auto: documenti

  • Documenti di identità dell’intestatario dell’auto e dell’aspirante nuovo proprietario.
  • Tessera sanitaria – codice fiscale.
  • Carta di circolazione del veicolo.
  • Certificato di proprietà oppure foglio complementare se si tratta di un vecchio veicolo.
  • Certificato di residenza rilasciato dal comune o dichiarazione sostitutiva di residenza dell’acquirente
  • Marca da bollo da euro 14,62 perché la dichiarazione di vendita che dovrà sottoscrivere l’intestatario dell’auto dovrà essere bollata.

Passaggio proprietà auto: costi

I costi da sostenere per fare il passaggio di proprietà auto aumentano se vi rivolgete a un intermediario come un’agenzia di pratiche auto. Il costo di gestione della pratica va ad aggiungersi ai costi fissi qui elencati:

  • 14,62 euro per marca da bollo per l’aggiornamento della carta di circolazione,
  • 14,62 euro per altra marca da bollo da allegare all’atto di vendita
  • 20,00 euro per Tassa da pagare all’ACI
  • 30,00 euro per spese relative all’imposta di bollo del P.R.A.

Ai costi appena elencati va aggiunta l’IPT, imposta provinciale di trascrizione, una tassa richiesta dalla provincia per la gran parte delle richieste presentate al PRA.

Passaggio proprietà auto in comune

Acquirente e venditore possono recarsi insieme al Comune di residenza ed eseguire una scrittura privata registrandola con una marca da bollo da 14,62 euro. Per le istruzioni complete sul passaggio di proprietà auto in comune vi rimandiamo alla guida: Passaggio di proprietà in comune.

Passaggio proprietà auto padre figlio

Il passaggio di proprietà tra padre e figlio, agli occhi della motorizzazione civile e del PRA non ha alcun valore particolare: il passaggio proprietà auto padre figlio è visto come un passaggio di proprietà tra privati. Non vi sono variazioni ne’ dei costi da sostenere, ne’ in termini di documenti da presentare.

Passaggio proprietà auto defunto

In questo caso non si fa un vero e proprio passaggio di proprietà dell’auto di un defunto, bensì si va a registrare l’auto ereditata. Ereditare il veicolo di un defunto è un caso molto frequente.

Quando si eredita un veicolo si deve autenticare la firma dell’erede sull’atto di accettazione dell’eredità. L’accettazione deve essere registrata all’ACI – Pubblico Registro Automobilistico (PRA), che rilascerà il certificato di proprietà digitale – CDPD – aggiornato, e richiederà l’aggiornamento della carta di circolazione all’ufficio provinciale della Motorizzazione Civile (UMC).

In questo caso, i costi per il passaggio di proprietà auto defunto ammontano a:

  • 27 euro per Emolumenti ACI
  • 48 euro imposti di bollo per la registrazione al PRA
  • 10,20 euro diritti DTT
  • 16 euro per imposta di bollo per aggiornare la carta di circolazione

Passaggio proprietà auto storiche

Per auto storica auto d’epoca si fa riferimento a un veicolo ultra tretennale o di interesse storico cioè immatricolato da almeno 20 anni. L’iter non cambia da quanto descritto in precedenza: bisognerà recarsi all’ACI e sostenere i costi fissi (84 euro, così come visto per le auto non storiche). A questi costi si aggiunge l’IPT (Imposta provinciale di trascrizione) che in genere si ammonta a circa 50 euro perché le auto storiche godono di IPT ridotta.

Pubblicato da Anna Sepe il 6 aprile 2016