Manutenzione della cinghia di distribuzione

manutenzione cinghia di distribuzione

Manutenzione della cinghia di distribuzione: come controllare lo stato di usura e quando sostituire la cinghia di distribuzione della propria auto.

La cinghia di distribuzione è realizzata in gomma, i modelli più costosi vantano inserti in fili di acciaio per aumentarne la resistenza. La cinghia di distribuzione è sottoposta a sforzi meccanici anche violenti, pertanto con un’inadeguata manutenzione si rischia una prematura usura. La cinghia di distribuzione rotta rende un veicolo inutilizzabile.

Dove si trova la cinghia di distribuzione?
La cinghia di distribuzione generalmente si trova sul fianco destro del motore, sul lato del passeggero. Tuttavia, ogni modello d’auto prevede uno schema a sé, quindi vi raccomandiamo di controllare la posizione sull’apposita indicazione.

La manutenzione della cinghia di distribuzione

Nell’articolo dedicato ai guasti alla cinghia di distribuzione abbiamo visto che la sua rottura può causare danni molto costosi alle componenti meccaniche dell’auto; per questo motivo consigliamo di leggere il libretto di manutenzione del veicolo per capire quali precauzioni prendere e soprattutto, ogni quando cambiare la cinghia di distribuzione.

Sì, la cinghia di distribuzione va cambiata!
Prima di arrivare alla sua rottura, è possibile controllare periodicamente lo stato d’usura della cinghia di distribuzione per provvedere prontamente alla sua sostituzione.

Ogni costruttore, infatti, definisce piani di manutenzione precisi. Di solito raccomandano di cambiare la cinghia di distribuzione ogni tot anni, oppure al raggiungimento di un tot chilometrico.

Generalmente le case automobilistiche garantiscono la durata della cinghia di distribuzione per un valore chilometrico che varia dai 100.000 ai 180.000. In alternativa è preso in esame un lasso temporale, sempre generalizzando, alcuni costruttori raccomandano di cambiare la cinghia di distribuzione ogni 5 o 6 anni.

La corretta manutenzione della cinghia di distribuzione, purtroppo, non può essere eseguita con il fai da te: l’aspetto estetico può ingannare! Meglio eseguire i classici controlli di routine (raccomandati da tutti i costruttori, ogni 30.000 chilometri!) oppure rivolgersi a un’officina specializzata in caso di dubbi.

Cinghia di distribuzione o… distribuzione a catena? 
E’ bene precisare che non tutte le auto hanno una cinghia di distribuzione! I modelli di ultima generazione sono datati di catene di distribuzione e spesso sono garantite a vita. Una preoccupazione in meno per l’automobilista. Anche in questo contesto, vi invitiamo a leggere il manuale di manutenzione della vostra auto perché ogni costruttore ha una storia a sé, anzi, ogni modello ha sue peculiarità. La distribuzione a catena prevede un piano di manutenzione del tutto differente da quanto visto per la cinghia di distribuzione. Se avete ancora dubbi, al prossimo tagliando, interrogate il vostro meccanico di fiducia!

Pubblicato da Anna Sepe il 1 aprile 2015