Indennizzo diretto, quando si applica

indennizzo diretto

La legge sull’indennizzo diretto è disciplinata dagli articoli 149 e 150 del Codice delle Assicurazioni e dal D.P.R. 254 del 18 Luglio 2006.

Che cos’è l’indennizzo diretto?

L’indennizzo diretto è una procedura di risarcimento che in caso di incidente stradale permette alla parte lesa (al soggetto non responsabile o responsabile solo in parte) di essere risarcito dal proprio assicuratore.

Quando si applica l’indennizzo diretto?

La procedura d’indennizzo diretto si applica per il risarcimento dei danni al veicolo e quelli collegati al suo utilizzo. Il risarcimento copre anche le cose trasportate dall’assicurato e le lesioni di lieve entità subite dal conducente, non oltre il 9% di invalidità. Qualsiasi compagnia assicurativa italiana è obbligata a seguire la procedura di indennizzo diretto quando vi è uno scontro tra due veicoli a motori identificati e assicurati in Italia.

Il risarcimento diretto non si applica quando l’incidente è causa di gravi lesioni (con una percentuale di invalidità permanente superiore al 9%), quando sono coinvolti più di due mezzi a motore (auto, moto, camion…) e quando non vi è stata collisione tra i due veicoli (per esempio, se il veicolo A taglia la strada al veicolo B che dovendosi stringe urta un muro privato…). Inoltre, l’indennizzo diretto non va applicato quando uno dei veicoli coinvolti è immatricolato all’estero, con macchine agricole o per incidenti stradali con rimorchi non agganciati alla motrice.

Come fare per accedere all’indennizzo diretto?

Il sinistro va sempre denunciato alla compagnia assicuratrice mediante il classico modulo blu. Tale denuncia va effettuata sia in caso di colpevolezza sia in caso di assenza di responsabilità.

Se non sei il responsabile dell’incidente o hai una responsabilità parziale, potra richiedere alla tua Compagnia il risarcimento danni per mezzo fax, telegramma, raccomandata o consegna a mano della richiesta.

La richiesta d’indennizzo diretto dovrà contenere i dati anagrafici dei due conducenti coinvolti (basta nome e cognome), dovrà riportare le targhe dei due veicoli protagonisti dell’incidente e la denominazione delle rispettive imprese. Bisognerà inoltre descrivere come è avvenuto il sinistro e le circostanze. Se è intervenuto un organo di polizia (municipale, stradale…) bisognerà indicare il tipo di intervento. Non dovrà mancare il giorno, il luogo e l’ora per poter consentire alla compagnia di procedere con l’accertamento del danno.

Se l’incidente ha causato lesioni lievi sarà necessario indicare anche età, attività e reddito del danneggiato; La richiesta dovrà contenere le specifiche sull’entità del danno fisico subito e una dichiarazione ai sensi dell’art. 142 che indica se si ha diritto a rimborsi o indennità da parte di INPS, INAIL…. Bisognerà allegare alla richiesta un referto medico che possa attestare la comprovata guarigione o l’assenza di postumi permanenti.

Per facilitarti la compilazione della richiesta di indennizzo diretto ti allego il fac simile da compilare e presentare all’Assicurazione: Fac-Simile Modulo di richiesta di Indennizzo Diretto

Articoli che potrebbero interessarti: Incidente con patente scaduta.

Pubblicato da Anna Sepe il 23 giugno 2015