Come sanificare l’auto

Per sanificare l’auto bisogna necessariamente rivolgersi a personale specializzato. Gli addetti ai lavori, dopo aver sanificato l’auto hanno il dovere di rilasciare un certificato avente la dicitura “Ambiente decontaminato con tecnologia certificata e garantita D.LGS. 626/94 e 242/96 direttive CEE HACCP” infatti, l’officina specializzata, per poter sanificare l’auto, deve avere l’autorizzazione dell’ASL di competenza. Senza questo certificato non si può affermare di poter sanificare gli interni dell’auto.

Perché sanificare un’auto?  
Gli interni di qualsiasi automezzo possono ospitare un gran numero di virus e batteri. Lo svilupparsi di virus, batteri, acari e altri organismi infestanti si può imputare al gran traffico a cui sono soggetti mezzi come automobili, pulmini, camper o roulotte: i passeggeri salgono e scendono portando con sé questi ospiti indesiderati.

Chi trascura i classici lavori di manutenzione, presto o tardi, arriverà ad avere la necessità di scarnificare l’auto. La scarnificazione dell’auto è consigliata soprattutto a chi trasporta animali domestici, in questo caso i parassiti che potrebbero invadere e annidarsi nella tappezzeria dell’auto sono pulci o zecche. Altra categoria a rischio sono i liberi professionisti che trasportano attrezzatura da lavoro non sterilizzata.

Sanificare l’auto non significa solo eliminare eventuali parassiti ma anche abbattere totalmente la carica microbica e azzerare le percentuali di ozono.

Come sanificare l’auto, le fasi della sanificazione
Sanificare l’auto significa sottoporre gli interni della vettura a quattro differenti fasi: pulizia con detersione, rimozione del detergente col risciacquo, disinfezione propriamente detta, rimozione del prodotto disinfettante con ulteriore risciacquo.

Se queste quattro fasi si svolgono più semplicemente per garantire l’igiene di celle frigorifere, friggitrici o girarrosto, quando si parla di igiene dell’auto il discorso cambia: per santificare l’auto a fondo, gli interni di questa devono essere smontati.

In teoria, si potrebbe sanificare l’auto anche autonomamente impiegando appositi detergenti e disinfettati ad ampio raggio. Anche rispettando le buone pratiche di laboratorio (lavarsi le mani e i gomiti prima di iniziare, usare cuffiette per capelli, indossare guanti sterili, utilizzare solo panni puliti…), per sanificare l’auto bisogna necessariamente essere dei perfezionisti per raggiungere ogni angolo della vettura, anche sotto la tappezzeria!

Quanto costa sanificare l’auto?
Il costo della sanificazione dell’auto oscilla da officina a officina, diciamo che si aggira mediamente intorno ai 150 euro.

Prodotti per sanificare l’auto

In commercio esistono molti detergenti ma pochi ad azione sanificante. I migliori detergenti sanificanti sono arricchiti con additivi in grado di eliminare i cattivi odori. Tra i vari prodotti presenti sul mercato vi consigliamo i due sanificanti:

Aktiv-E, sanitizzante ed elimina i cattivi odori dai tessuti
Prezzo: 11,90 euro
Consigliato a chi fuma in auto. Riesce a eliminare la puzza di fumo di sigaretta impregnata nella tappezzeria. Riesce a eliminare l’odore di cibo, vomito o urina. Può essere usato sui sedili, tappeti, nel cofano dell’auto ma anche su moquettes e divani.

Il secondo detergente sanificante (ugualmente efficace ma più delicato) è il Deotox che risulta più adatto per chi ha interni in pelle. Il prezzo, in questo caso, è di 14,10 euro.

Pubblicato da Anna Sepe il 30 luglio 2013