Nuova Lancia Delta Integrale 2017

Nuova Lancia Delta Integrale 2017

Nuova Lancia Delta Integrale 2017: uscita, foto, prezzo, caratteristiche e tutte le informazioni disponibili sull’erede del Deltone.


Fino all’anno scorso si trattava solo di rumors, pettegolezzi con poca concretezza… ma poi qualcosa è cambiato: il progetto c’è e continua a fare progressi! La nuova lancia delta integrale nasce sul telaio della Fiat Stilo… vediamo subito tutte le caratteristiche.

Nuova Lancia Delta Integrale 2017: foto

La Lancia Delta Integrale 2017 si chiamerà Evoluzione GT. L’auto è stata già esposta in diverse occasioni e sarà l’erede spirituale (e non solo!) del mitico Deltone.

GUARDA LE FOTO DELLA LANCIA DELTA INTEGRALE 2017

L’auto Evoluzione GT è ispirata in ogni sua parte alla storica auto da competizione Lancia Delta Evoluzione. La vettura dovrebbe essere prodotta dall’azienda brindisina Rav srl.

Come si osserva dalle foto, l’esterno dell’auto conserva le proporzioni dell’auto donatrice, cioè della Fiat Stilo ma l’estetica è completamente stravolta.

Le linee richiamano chiaramente lo stile della vecchia Delta integrale. Il frontale squadrato è dominato da un lungo elemento in carbonio che alloggia i gruppi ottici tondeggianti e allo xeno. Non manca un accenno di calandra Lancia rifinita in rosso metallizzato.

La carrozzeria è composta soprattutto da pennelli in fibra di carbonio smontabili singolarmente, una regola base per un’auto da competizione che deve lasciare ampio spazio a controlli, riparazioni o modifiche.

Nuova Lancia Delta Integrale 2017: interni

Purtroppo gli interni non sono stati stravolti come l’estetica: l’abitacolo della nuova lancia Delta Integrale ricorda molto l’auto “donatrice”, cioè la Fiat Stilo.

Gli interni, per ora, sono chiaramente artigianali ma l’entrata in produzione della vettura dovrebbe apportare forti cambiamenti all’abitacolo: plancia, sedili, volante… tutto dovrà essere rivisitato. Salire sull’erede del mitico deltone e ritrovarsi in un ambiente come quello dell’abitacolo della Fiat Stilo, non è per niente entusiasmante ma per ora questo non sarebbe un problema.

La nuova Lancia Delta Integrale, ribattezzata evoluzione GT, è ancora in fase di progettazione, per ora è stata definita la meccanica e l’estetica… ogni componente dovrà arrivare a giusta maturazione prima dell’uscita che non è di certo attesa per il 2017.

Nuova Lancia Delta Integrale 2017: prezzi

Chiariamolo subito, l’Evoluzione GT non sarà un’auto alla portata di tutti. In primis, l’azienda brindisina lascerà molto spazio alle personalizzazioni del cliente finale sia in termini di meccanica che in termini di equipaggiamenti ed estetica. Le personalizzazioni, si sa, nel settore automobilistico si fanno pagare tanto!

Si suppone che l’erede della Lancia Delta Integrale dovrebbe essere lanciata con prezzi a partire da 100.000 euro.

Nuova Lancia Delta Integrale 2017: uscita

Per la fine del 2017 dovrebbe arrivare un annuncio ufficiale da parte dall’azienda brindisina ma l’uscita effettiva dell’erede della Lancia Delta Integrale dovrebbe verificarsi a fine 2018.

Con il progetto pronto entro il 2017, la produzione della nuova Lancia Delta Integrale dovrebbe avviarsi tra marzo e aprile 2018 con prezzi intorno ai 100 mila euro.

Lancia Delta Integrale, motore e scheda tecnica

Non vi è ancora un progetto definitivo quindi è difficile parlare di caratteristiche e scheda tecnica. La Fiat Stilo, modellata sulla base del progetto della Delta Integrale di Angelo Granata, sotto al cofano vede un motore 2.4 turbo a 5 cilindri. Il propulsore, di produzione FIAT, è in grado di sviluppare una potenza massima di 350 cavalli.

Al propulsore termico sono associati due piccoli motori elettrici posti sull’asse posteriore della vettura, ogni motore è in grado di sviluppare una potenza di 100 cavalli. La matematica non inganna: sotto al cofano della nuova Delta integrale ruggisce un gruppo di propulsori in grado di sviluppare una potenza complessiva di ben 550 cavalli.

L’Evoluzione GT è stata già testata sulle piste di Jesolo e Ugento e si è rivelata all’altezza della situzione.

Tra i propulsori potrebbe esserci la possibilità di scegliere un motore a zero emissioni perché alimentato a celle di combustibile d’idrogeno.

Pubblicato da Anna Sepe il 12 gennaio 2017