Toyota Yaris Hybrid

Invece che una piccola a Metano o a GPL, vuoi provare una citycar ibrida? Toyota Yaris Hybrid, ha 100 Cv di potenza, consuma solo 3,5 litri di benzina ogni 100 chilometri e costa  17.500 Euro. Ne vale la pena?

GUARDA LE FOTO: Toyota Yaris Hybrid

Con il prezzo del gas GPL o Metano che ancora resta basso, potresti pensare che una vettura ibrida , quindi con un motore a benzina più un secondo elettrico, non sia infondo la scelta più economica. Una piccola ibrida, in Italia  poi l’abbiamo già avuta, la Honda Jazz Hybrid, ma Toyota ha deciso di piazzare sotto al cofano della sua Yaris un sistema per consumare davvero poco e viaggiare anche con la sola trazione elettrica: nessuno l’aveva fatto prima con una citycar

Esteticamente, la versione ibrida della Yaris ha poche differenze con le altre. Un paraurti più spigoloso sia davanti che dietro, interni praticamente identici con qualche inserto di colore blu e ovviamente un cambio diverso. Qui non c’è il manuale, ma una leva che comanda un sistema meccanico ben più complesso.

Il motore a benzina da 1.500 centimetri cubi di cilindrata è accoppiato ad un secondo motore elettrico, e il tutto fa una potenza di 100 Cv tondi, che non sono affatto pochi. In teoria, la scheda tecnica parla di un consumo medio di 3,5 litri ogni 100 chilometri, ma alla prova dei fatti, facendo una media tra guida in città, strada extraurbana e qualche tratto di autostrada, senza mai esagerare, non siamo mai andati oltre i 4,3 litri ogni 100 chilometri. E’ poco, ed è un risultato che puoi raggiungere facilmente anche tu.

Usando il tasto Eco Drive, “ammorbidisci” l’accelerazione per consumare ancora di meno, e  se premi quello dell’ EV Drive, la Yaris Hybrid viaggia con la sola trazione elettrica fino a 50 chilometri orari: niente benzina, ma purtroppo con una autonomia al massimo di un paio di chilometri.

Se facciamo due conti, quel che ci interessa è il risparmio quotidiano, e il sistema ibrido della Yaris  è difficile da battere. Il prezzo di partenza è di 17.500 Euro, l’equipaggiamento di serie è già buono e, quel che conta in una vettura ibrida, c’è una garanzia di 5 anni per la batteria. Tocca a lei gestire l’energia per  il tuo secondo motore elettrico: l’hai fabbricata facendo girare il motore a benzina come un generatore, e non ti è costata nulla neppure quella.

Pubblicato da Gianluigi Giannetti il 10 dicembre 2012